isola greca Patmos Dodecaneso

Patmos, Dodecaneso: conosciamola meglio

Leggo spesso che chi vuole venire a Patmos, nel Dodecaneso, trova che il viaggio sia troppo lungo e difficoltoso. Sicuramente venire a Patmos non è una passeggiata, ma la mia filosofia è che il viaggio è dove comincia la vacanza, un momento bello quanto la vacanza stessa…

Dodecaneso isola Patmos
Patmos

Come arrivare a Patmos, Dodecaneso

Le soluzioni principali per arrivare nel Dodecaneso, a Patmos, sono due:

la prima è il volo dall’Italia ad Atene e poi dal porto del Pireo a qui con il traghetto.
Se si riesce ad organizzare il volo in modo da atterrare ad Atene in mattinata, spesso si fa in tempo a prendere il traghetto delle 15 e il viaggio diventa una minicrociera di otto ore.
L’itinerario in traghetto sfiora diverse isole, così si può cominciare ad assaporare la bellezza di questa parte del mondo.

la seconda opzione di viaggio è volare dall’ Italia su uno dei 5 aeroporti delle isole circostanti (Kos, Leros, Kalimnos, Ikaria e Samos) e poi raggiungere Patmos con l’ aliscafo. Anche il volo dall’Italia a Rodi e da lì il traghetto è una possibilità da considerare.

Spostarsi sull’isola di Partmos, Dodecaneso

Ci sono diversi itinerari da percorrere a piedi sull’isola, Per i camminatori provetti c’è solo l’imbarazzo della scelta!
Dall’ antica mulattiera che dalla cittadina principale che è Skala arriva al monastero che sovrasta l’isola, al sentiero che collega fra loro alcune delle spiagge più belle. Più o meno da qualunque punto dell’isola si può raggiungere a piedi una delle tante spiagge, ma credo che valga la pena affittare un’auto o uno scooter e girare il più possibile.
L’ isola è di soli 34 km quadrati e in pochi giorni si può vedere veramente tantissimo.
I mezzi pubblici ci sono e funzionano: nella stagione estiva le corse sono frequenti e permettono di raggiungere diverse spiagge, oltre naturalmente alla Cava dell’Apocalisse di San Giovanni il Teologo e l’antichissima cittadella della Chora.

Patmos Chora isole greca dodecaneso
Patmos Chora

Dove alloggiare a Patmos e perché

Dipende molto dagli aspetti che si prediligono nella vacanza, ogni zona ha le sue prerogative. La cittadina principale, Skala, è animata e molto piacevole da vivere con i suoi numerosi negozi, ristoranti e bar aperti fino a tardi. Per chi vuole assaporare il perfetto silenzio o la voce del mare e della natura consiglio zone più tranquille.
Comunque, essendo Patmos così piccola, si possono cogliere facilmente entrambi gli aspetti senza fare chilometri. In una sola serata, dal proprio alloggio si può raggiungere uno dei numerosi ristoranti sul mare per cenare. Si può poi salire alla suggestiva Chora, esplorare l’affascinante dedalo di viuzze antiche, e per finire sedersi su una spiaggia a guardare il cielo pieno di stelle che, da qui, appare immenso.

Patmos e il turismo

Ci sono due aspetti di Patmos, credo, che caratterizzano quest’ isola: uno è quello religioso, dovuto alla presenza della Grotta dove San Giovanni. Discepolo prediletto di Gesù, Giovanni ricevette da Dio il testo dell’Apocalisse e del Monastero ortodosso, le cui fondamenta poggiano in parte su un antico tempio dedicato alla dea Artemide.
Queste due presenze, oltre all’ incredibile numero di chiesette sparse ovunque (circa 370!), hanno dato origine alla denominazione di “isola sacra“.
Ma al di là di questo, non è affatto improbabile, per chi sa coglierla, avvertire un’energia spirituale, specialmente in alcuni luoghi particolari.

Patmos isola snob del Dodecaneso

L’altro aspetto di Patmos che la distingue, in parte, dalle altre è la fama di isola un po’ “snob”. È sicuramente vero che una parte del turismo e dei residenti stranieri è decisamente abbiente e che è frequentata da personaggi noti. L’ atmosfera che si respira nella vita quotidiana però è semplice ed informale, oltre che estremamente rilassata.
Quello che mi piace di Patmos è che, in alcuni punti dell’isola, appena si esce dai piccoli centri abitati, si può vivere un’esperienza di assoluta solitudine, dove le uniche presenze sono il mare, la terra ed il cielo.
È un po’ come sentirsi, come dico io, la prima donna o il primo uomo apparsi sul pianeta. Credo sia una sensazione impagabile, che ispira naturalmente alla gioia ed al ritorno a sé stessi.

Questa è Patmos, dove il silenzio è preghiera!

Condividi dove vuoi

Un commento

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.